Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Vertigini
Xagena Newsletter

Oppioidi per il dolore cronico non-dovuto-a-cancro


I danni e i benefici degli oppioidi per il dolore cronico non-oncologico rimangono poco chiari.
È stata eseguita una revisione sistematica e meta-analisi di studi clinici randomizzati sugli oppioidi per il dolore cronico non-oncologico rispetto a qualsiasi controllo non-oppioide.

Gli esiti primari erano l'intensità del dolore ( intervallo del punteggio, 0-10 cm su una scala analogica visiva per il dolore; un punteggio inferiore è migliore e la differenza minimamente importante [ MID ] è 1 cm ), il funzionamento fisico ( intervallo di punteggio, 0-100 punti sul punteggio 36-item Short Form physical component score [ SF-36 PCS ]; un punteggio più alto è migliore e MID è 5 punti ), e l’incidenza di vomito.

Sono stati inclusi 96 studi randomizzati comprendenti 26.169 partecipanti ( 61% donne, età media, 58 anni ).
Degli studi inclusi, 25 erano studi sul dolore neuropatico, 32 studi sul dolore nocicettivo, 33 studi sulla sensibilizzazione centrale ( dolore presente in assenza di danno tissutale ) e 6 studi su tipi misti di dolore.

Rispetto al placebo, l'uso di oppioidi è stato associato a dolore ridotto ( differenza media ponderata WMD, -0.69 cm su una scala analogica visiva di 10 cm per il dolore; differenza modellata di rischio per raggiungere MID, 11.9% ), miglioramento del funzionamento fisico ( WMD, 2.04 punti su SF-36 PCS a 100 punti; differenza modellata di rischio per raggiungere MID, 8.5% ) e aumento del vomito ( 5.9% con oppioidi vs 2.3% con placebo per studi che escludevano i pazienti con eventi avversi durante un periodo di run-in ).

Prove di qualità da bassa a moderata hanno suggerito associazioni simili tra oppioidi e miglioramenti del dolore e del funzionamento fisico rispetto ai farmaci antinfiammatori non-steroidei [ FANS ] ( dolore: WMD, -0.60 cm; funzionamento fisico: WMD -0.90 punti ), antidepressivi triciclici ( dolore: WMD, -0.13 cm; funzionamento fisico: WMD, -5.31 punti ) e anticonvulsivanti ( dolore: WMD, -0.90 cm; funzionamento fisico: WMD, 0.45 punti ).

In conclusione, in questa meta-analisi di studi su pazienti con dolore cronico non-oncologico, le evidenze da studi di alta qualità hanno dimostrato che l'uso di oppioidi era associato a miglioramenti statisticamente significativi ma di lieve entità nel dolore e nel funzionamento fisico e a un aumento del rischio di vomito rispetto al placebo.
I confronti tra oppioidi e alternative non-oppioidi hanno indicato che il beneficio per il dolore e il funzionamento potrebbe essere simile, sebbene l'evidenza provenisse da studi di qualità da bassa a moderata. ( Xagena2018 )

Busse JW et al, JAMA 2018; 320: 2448-2460

Med2018 Farma2018


Indietro