Vertigini
Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Xagena Newsletter

Naloxegol per la costipazione indotta da oppioidi in pazienti con dolore non-oncologico


La costipazione indotta da oppioidi è comune e debilitante. Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza di Naloxegol ( Moventig ), un antagonista del recettore mu degli oppioidi per via orale ad azione periferica ( PAMORA ), per il trattamento della costipazione indotta da oppioidi.

In due identici studi di fase 3, in doppio cieco ( Studio 04, 652 partecipanti; Studio 05, 700 partecipanti ), i pazienti con dolore non-oncologico e costipazione indotta da oppioidi sono stati randomizzati a ricevere una dose giornaliera di 12.5 o 25 mg di Naloxegol oppure placebo.

L'endpoint primario era il tasso di risposta a 12 settimane ( 3 o più movimenti intestinali spontanei a settimana e un aumento dal basale di 1 o più movimenti intestinali spontanei per 9 o più settimane su 12 e per 3 o più delle ultime 4 settimane ) nella popolazione intention-to-treat.

Gli endpoint secondari erano il tasso di risposta nella sottopopolazione di pazienti con una risposta inadeguata ai lassativi prima della iscrizione allo studio, il tempo al primo movimento intestinale spontaneo dopo la somministrazione della dose, e il numero medio di giorni a settimana con uno o più movimenti intestinali spontanei.

I tassi di risposta sono stati significativamente più alti con 25 mg di Naloxegol rispetto al placebo ( intention-to-treat: Studio 04, 44.4% vs 29.4%, P=0.001; Studio 05, 39.7% vs 29.3%, P=0.02; pazienti con una risposta inadeguata a lassativi: Studio 04, 48.7% vs 28.8%, P=0.002; Studio 05, 46.8% vs 31.4%, P=0.01 ); nello Studio 04, i tassi di risposta sono stati più alti anche nel gruppo trattato con 12.5 mg di Naloxegol ( popolazione intention-to-treat, 40.8% vs 29.4%, P=0.02; pazienti con risposta inadeguata ai lassativi, 42.6% vs 28.8%, P=0.03 ).

Un tempo più breve al primo movimento intestinale spontaneo dopo la dose e un numero maggiore medio di giorni alla settimana con uno o più movimenti intestinali spontanei sono stati osservati con 25 mg di Naloxegol versus placebo in entrambi gli studi ( P minore di 0.001 ) e con 12.5 mg di Naloxegol nello Studio 04 ( P minore di 0.001 ).

I punteggi di dolore e la dose giornaliera di oppioidi sono risultati simili tra i tre gruppi.

Gli eventi avversi ( soprattutto gastrointestinali ) si sono verificati più frequentemente nei gruppi trattati con 25 mg di Naloxegol.

In conclusione, il trattamento con Naloxegol, rispetto al placebo, ha determinato un tasso significativamente più alto di risposta al trattamento, senza ridurre l’analgesia mediata dagli oppioidi. ( Xagena2014 )

Chey WD et al, N Engl J Med 2014; 370: 2387-2396

Psyche2014 Gastro2014 Med2014 Farma2014


Indietro