Vertigini
Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite

La modulazione condizionata del dolore predice l'efficacia della Duloxetina nella neuropatia diabetica dolorosa


La modulazione condizionata del dolore ( CPM ) predice l'efficacia della Duloxetina ( Cymbalta ) nella neuropatia diabetica dolorosa.
I pazienti con modulazione condizionata del dolore, meno efficiente, hanno maggiori probabilità di trarre beneficio dal trattamento farmacologico.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di individualizzare la selezione di farmaci per il dolore neuropatico esaminando l'accoppiamento potenziale di un dato meccanismo di azione di un farmaco con il modello di modulazione del dolore del paziente.
Quest'ultimo viene valutato mediante i protocolli modulazione condizionata del dolore e sommazione temporale.

Si è ipotizzato che i pazienti con un modello difettoso di modulazione del dolore beneficerebbero di più da farmaci che aumentano il controllo inibitorio discendente del dolore rispetto ai pazienti con un modello di modulazione normale efficiente.

Un totale di 30 pazienti con neuropatia diabetica dolorosa hanno ricevuto placebo per una settimana, Duloxetina 30 mg/die per 1 settimana e Duloxetina 60 mg/die per 4 settimane.

La modulazione del dolore è stata valutata dal punto di vista psicofisico, sia prima che alla fine del trattamento.

La valutazione del paziente di efficacia del farmaco, controllata settimanalmente, era l’esito primario dello studio.

La modulazione condizionata del dolore al basale è risultata essere correlata con la efficacia della Duloxetina ( r=0.628, P minore di 0.001 ): una meno efficiente modulazione condizionata prevedeva l'uso efficace di Duloxetina.

L'analisi di regressione ( R2=0.673, P=0.012 ) ha mostrato che l'efficacia del farmaco era prevista solo dalla modulazione condizionata del dolore ( P=0.001 ) e non dai livelli pre-trattamento del dolore, dalla gravità della neuropatia, dal livello della depressione, o dalla valutazione del paziente di miglioramento da placebo.

Inoltre, oltre il suo valore predittivo, il miglioramento della modulazione condizionata del dolore, indotto dal trattamento, è risultato correlato con l'efficacia dei farmaci ( r=-0.411, P=0.033 ).
Tuttavia, questo miglioramento si è verificato solo in pazienti con modulazione condizionata meno efficiente ( 16.8 fino a -1.1, P minore di 0.050 ).

Nessun ruolo predittivo è stato trovato per la sommazione temporale.

In conclusione, l'accoppiamento dell’efficacia di Duloxetina e della modulazione condizionata del dolore sottolinea l'importanza della fisiopatologia del dolore nel processo decisionale clinico.
Questo approccio valutativo promuove la terapia personalizzata del dolore. ( Xagena2012 )

Yarnitsky D et al, Pain 2012; 153: 1193-1198


Med2012 Neuro2012 Endo2012 Farma2012


Indietro