Alliance Cicatrici
Vertigini
Forum Infettivologico
Xagena Newsletter

Effetto dei farmaci oppioidi versus non-oppioidi sulla funzione correlata al dolore in pazienti con dolore cronico alla schiena o dolore da osteoartrite all’anca o al ginocchio


Sono disponibili prove limitate relative agli esiti a lungo termine degli oppioidi rispetto ai farmaci non-oppioidi per il dolore cronico.

Sono stati confrontati i farmaci oppioidi versus non-oppioidi per 12 mesi sulla funzione correlata al dolore, sull'intensità del dolore e sugli effetti avversi in uno studio randomizzato di 12 mesi con valutazione del risultato in cieco.
I pazienti sono stati reclutati presso le cliniche di assistenza primaria Veterans Affairs dal 2013 al 2015; il follow-up è stato completato nel 2016.

I pazienti eleggibili presentavano dolore alla schiena cronico da moderato a grave o dolore da osteoartrosi dell'anca o del ginocchio nonostante l'uso di analgesici.
Dei 265 pazienti arruolati, 25 si sono ritirati prima della randomizzazione e 240 sono stati randomizzati.

Entrambi gli interventi ( terapia farmacologica con oppioidi e non-oppioidi ) hanno seguito una strategia di trattamento mirata al miglioramento del dolore e della funzionalità.
Ogni intervento aveva una propria strategia di prescrizione che includeva più opzioni di trattamento in 3 fasi.

Nel gruppo degli oppioidi, il primo passo è stato la somministrazione a rilascio immediato di Morfina, Ossicodone o Idrocodone / Paracetamolo [ anche noto come Acetaminofene ].

Per il gruppo non-oppioidi, il primo passo è stato il Paracetamolo o un farmaco antinfiammatorio non-steroideo ( FANS ).

I farmaci sono stati modificati, aggiunti o aggiustati all'interno del gruppo di trattamento assegnato in base alla risposta individuale del paziente.

L'esito primario era la funzione correlata al dolore ( scala di interferenza Brief Pain Inventory BPI ) nell'arco di 12 mesi e l'esito secondario principale era l'intensità del dolore ( scala di gravità BPI ).

Per entrambe le scale BPI ( range 0-10, punteggi più alti = peggiore funzione o intensità del dolore ), un miglioramento di 1 punto era clinicamente importante.

L'esito avverso primario era rappresentato dai sintomi correlati al farmaco ( lista riferita dal paziente, intervallo 0-19 ).

Su 240 pazienti randomizzati ( età media, 58.3 anni, donne, 32, 13.0% ), 234 ( 97.5% ) hanno completato lo studio.

I gruppi non differivano in modo significativo per la funzione correlata al dolore nell'arco di 12 mesi ( P=0.5 complessivo ); l'interferenza media di BPI a 12 mesi era 3.4 per il gruppo oppioidi e 3.3 per il gruppo non-oppioidi ( differenza, 0.1 ).

L'intensità del dolore era significativamente migliore nel gruppo non-oppioidi nell'arco di 12 mesi ( P=0.03 complessivo ); la gravità media di BPI a 12 mesi era di 4.0 per il gruppo oppioidi e di 3.5 per il gruppo non-oppioidi ( differenza, 0.5 ).

I sintomi avversi correlati al farmaco erano significativamente più comuni nel gruppo oppioidi per 12 mesi ( P=0.03 complessivo ); i sintomi correlati ai farmaci a 12 mesi erano 1.8 nel gruppo oppioidi e 0.9 nel gruppo non-oppioidi ( differenza, 0.9 ).

In conclusione, il trattamento con oppioidi non è risultato superiore al trattamento con farmaci non-oppioidi per migliorare la funzione correlata al dolore nell'arco di 12 mesi.
I risultati non supportano l'inizio della terapia con oppioidi per il mal di schiena cronico da moderato a grave o per il dolore da osteoartrosi dell'anca e del ginocchio. ( Xagena2018 )

Krebs EE et al, JAMA 2018; 319: 872-882

Reuma2018 Med2018 Farma2018


Indietro