Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Modulazione della iperalgesia postinfusionale indotta da Remifentanil con il beta-bloccante Propranololo


La somministrazione di Remifentanil ( Ultiva ) provoca una iperalgesia postinfusionale agli stimoli meccanici, ma non a quelli termici.

L'infusione concomitante del beta-bloccante dei recettori adrenergici Propranololo ( Inderal ) impedisce l'iperalgesia indotta dagli oppioidi agli stimoli meccanici nei soggetti umani.

L'esposizione acuta e cronica agli oppioidi è stata associata con l'iperalgesia sia negli animali che nell'uomo.
Una analisi genetica della iperalgesia indotta dagli oppioidi sui topi ha collegato i recettori beta 2-adrenergici alla sensibilizzazione meccanica dopo esposizione agli oppioidi.

Negli esseri umani, l'espansione della zona di iperalgesia meccanica che circonda una lesione indotta sperimentalmente dopo la cessazione dell'infusione con Remifentanil è un modello comunemente usato dell'iperalgesia da oppiacei ( iperalgesia postinfusionale indotta da Remifentanil, RPH ).

Uno studio traslazionale ha verificato l'ipotesi secondo cui l'antagonista recettoriale beta-adrenergico Propranololo modula l'espressione della iperalgesia postinfusionale indotta da Remifentanil nell'uomo.

Questo studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, crossover, è stato condotto su 10 volontari umani sani.

Durante le sessioni di prova, una stimolazione elettrica intracutanea è stata utilizzata per generare aree di iperalgesia meccanica secondaria.
L'area di questa sensibilizzazione è stata misurata prima, durante e dopo l'infusione di Remifentanil. È stata seguita anche la sensibilità al dolore da calore.

Durante una sessione di test, i soggetti hanno ricevuto l'infusione di Propranololo.
È stato osservato un aumento medio delle aree di iperalgesia secondaria meccanica del 141% dal basale nei soggetti con infusione di Remifentanil e placebo ( P=0.00040 ).

Tuttavia, quando l'infusione di Remifentanil è stata combinata con Propranololo, l'area di iperalgesia secondaria dopo aver terminato la somministrazione di Remifentanil non è stata significativamente differente rispetto all'area prima di iniziare l'infusione di oppioidi (P=0.13).

La iperalgesia termica non è stata osservata dopo l'infusione di Remifentanil.
L'infusione di Propranololo alla dose selezionata ha avuto minori effetti emodinamici.

In conclusione, l'infusione combinata di Propranololo con Remifentanil ha impedito l'espressione di iperalgesia postinfusionale indotta da Remifentanil.
Il blocco dei recettori beta-adrenergici può essere una strategia utile per prevenire l'iperalgesia farmacologica in pazienti esposti ad oppioidi. ( Xagena2012 )

Chu LF et al, Pain 2012; 153: 974-981


Neuro2012 Med2012 Farma2012


Indietro